Accadde oggi

Accadde oggi... Il Primo segnale radio

Accadde oggi… Il Primo segnale radio117 anni fa, il 12 dicembre 1901, Guglielmo Marconi inviava il primo segnale radio oltre oceano. Nato a Bologna nel 1874, si dimostra uno studente non particolarmente brillante ma appassionato del lato sperimentale della scienza. Conoscendo l’inglese, legge le più importanti riviste scientifiche internazionali interessandosi alle pubblicazioni di elettronica e agli esperimenti dello scienziato Hertz sulle onde elettromagnetiche, la cui esistenza era già stata ipotizzata da Maxwell pochi anni prima.
Durante l’estate del 1894, Marconi inizia i suoi studi riguardanti l’uso di queste onde per un “telegrafo senza fili”, ovvero per mandare segnali a distanza senza ricorrere ai cavi elettrici. Con le apparecchiature a sua disposizione riesce a trasmettere segnali per qualche decina di metri, risultato che migliora quando inserisce nei circuiti, emettitore e ricevente, la connessione a terra e un filo aereo, ciò che oggi chiamiamo antenna.

Nel corso degli anni continua con i suoi esperimenti, trasferendosi anche in Inghilterra per trovare l’appoggio degli altri studiosi, appoggio che in Italia non aveva trovato. Nel 1896 presenta la prima richiesta provvisoria di brevetto dal titolo “Miglioramenti nella telegrafia e relativi apparati”. Da qui inizia ad ampliare le sue ricerche, spostandosi verso l’oceano Atlantico: nel novembre del 1901 installa un grande trasmettitore a Poldhu, in Cornovaglia, per poi imbarcarsi per St. John’s di Terranova, in Nord America, dove costruisce un sistema per ricevere i messaggi che arriveranno dall’Inghilterra. È proprio in questa località che, il 12 dicembre 1901, avviene la prima comunicazione transoceanica via radio: il messaggio ricevuto era composto da tre punti, la lettera “S” nell’alfabeto Morse.

Lo scetticismo della comunità scientifica non si concluse con quell’esperimento ma Marconi fu in grado di dimostrare la sua tesi e nel 1909 ricevette il premio Nobel per la fisica assieme al tedesco Braun.

Abbiamo parlato di fisici, ma quanti sono in Italia i fisici sanitari? Atlante Sanità è il database degli operatori sanitari che comprende circa 1,4 milioni di anagrafiche. Tutte le numeriche, comprese quelle relative a chimici, biologi e tutte le altre figure, a questo sito: Le professioni sanitarie in numeri.

Fonte: Marconi e il primo segnale radio
 
Autore:

PKE Group

PKE è una società nata da DS Medigroup, costituita per gestire i data base delle professioni e la creazione di comunità profilate sulla rete Internet.
Obiettivo di PKE è accompagnare le Istituzioni e gli Enti privati nella corretta gestione dei dati e nell’approfondita conoscenza delle diverse professioni, nell’analisi delle competenze specifiche di ciascuna disciplina, nelle valutazioni dei loro fabbisogni formativi ed informativi, nella definizione strategica degli strumenti di comunicazione (informazione e formazione) e nella loro completa implementazione.

Segui PKE Group: