Statistiche

Attività fisica nel mondo: siamo troppo pigri?

Attività fisica nel mondoNel mondo, un adulto su quattro non fa attività fisica e, tra gli adolescenti, è inattivo fisicamente oltre l’80% dei ragazzi. Fare anche poca attività fisica può però ridurre sensibilmente il rischio di morte prematura per molte malattie come quelle cardiovascolari, il cancro e il diabete. La sedentarietà può portare ad un aumento dal 20 al 30% della mortalità.

A lanciare questo allarme è l’Oms che ricorda l’obiettivo pianificato a livello mondiale: portare almeno un 10% dei sedentari a effettuare esercizio fisico entro il 2025. Per farlo servono politiche incentivanti volte ad aiutare e agevolare la popolazione a svolgere un’attività fisica pianificata, strutturata e ripetitiva, che mira a migliorare o mantener uno o più componenti della forma fisica.

Gran parte dei medici italiani consigliano di accostare allo sport una sana alimentazione. Quanti sono i professionisti della salute a cui rivolgersi? In Italia ci sono 14.751 biologi nutrizionisti e 3.123  dietisti, dati che PKE ha in Atlante Sanità, la banca dati che conta oltre 1,3 milioni di anagrafiche.

Fonte: Quotidiano Sanità

 
Autore:

PKE Group

PKE è una società nata da DS Medigroup, costituita per gestire i data base delle professioni e la creazione di comunità profilate sulla rete Internet.
Obiettivo di PKE è accompagnare le Istituzioni e gli Enti privati nella corretta gestione dei dati e nell’approfondita conoscenza delle diverse professioni, nell’analisi delle competenze specifiche di ciascuna disciplina, nelle valutazioni dei loro fabbisogni formativi ed informativi, nella definizione strategica degli strumenti di comunicazione (informazione e formazione) e nella loro completa implementazione.

Segui PKE Group: