News

Giornata mondiale dell'autismo

Giornata mondiale dell’autismoSi è celebrata ieri, martedì 2 aprile, la Giornata Mondiale dell’autismo. Numerose sono state le iniziative in tutta Italia e nel mondo volte a sensibilizzare le persone rispetto una patologia purtroppo ancora poco conosciuta e fonte di molti equivoci.

Secondo gli ultimi dati dell’Osseravatorio Nazionale Autismo, che fa capo all’Istituto Superiore di Sanità, in Italia 1 bambino ogni 77 è autistico. Il dato, in crescita, è dovuto all’aumentata consapevolezza della popolazione, al cambiameno dei criteri diagnostici, all’introduzione di strategie di screening e all’individuazione precoce di disturbi lievi che in passato non venivano identificati.

Secondo la Società Italiana di Neuropsichiatria dell’Infanzia e dell’Adolescenza (Sinpia) le politiche nazionali e regionali riguardanti l’autismo si stanno muovendo verso l’individuazione di interventi che siano precoci e mirati, che integrino strumenti terapeutici ed educativi e che aderiscano a una prospettiva che tiene conto ciclo di vita. Annalisa Monti, Consiglio Direttivo della Sinpia, è dice in tal senso: “un primo risultato positivo è sicuramente l’abbassamento dell’età alla diagnosi, che in molte regioni ora si colloca a 3 anni, e il progressivo aumento di servizi specialistici che offrono percorsi adeguati. Restano però alcune importanti questioni aperte”.

Le persone con Disturbo dello Spettro Autistico (ASD) infatti possono presentare quadri clinici molto diversi tra loro e vivere in contesti educativi e sociali differenti. Questo porta inevitabilmente alla necessità di sviluppare una “medicina personalizzata”, in grado di coniugare le evidenze scientidiche con le caratteristiche degli individui, in attesa che le future conoscenze in campo neurobiologico e farmacologico possano trasformarla anche in “medicina di precisione”.

Ma non solo, fondamentale è il coinvolgimento dei pediatri di famiglia, sia per la diagnosi precoce e tempestiva al primo evidenziarsi di ritardi o anomalie evolutive sia per accompagnare la crescita e intervenire sinergicamente sulle patologie o disturbi concomitanti (disturbi del sonno, epilessia, disturbi gastrointestinali, patologie intercorrenti).

Facendo un riferimento alle numeriche, Atlante Sanità, il database della sanità italiana che comprende oltre 1,4 milioni di anagrafiche, conta 3.933 medici specializzati in neuropsichiatria infantile e 23.665 in pediatria e neonatologia, di questi 9.232 sono Pediatri di Libera Scelta.

Fonte: Quotidiano Sanità
 
Autore:

PKE Group

PKE è una società nata da DS Medigroup, costituita per gestire i data base delle professioni e la creazione di comunità profilate sulla rete Internet.
Obiettivo di PKE è accompagnare le Istituzioni e gli Enti privati nella corretta gestione dei dati e nell’approfondita conoscenza delle diverse professioni, nell’analisi delle competenze specifiche di ciascuna disciplina, nelle valutazioni dei loro fabbisogni formativi ed informativi, nella definizione strategica degli strumenti di comunicazione (informazione e formazione) e nella loro completa implementazione.

Segui PKE Group: