Statistiche

Mangiare broccoli protegge dall'aterosclerosi?

Mangiare broccoli protegge dall’aterosclerosi?I risultati di uno studio osservazionale australiano evidenziano che un consumo elevato di vegetali – in particolare broccoli, cavolfiori e cavolini di Bruxelles – risulta associato un minor ispessimento della parete carotidea nelle donne over 70 e potrebbe quindi proteggere da ictus e infarto.

Secondo lo studio, pubblicato su JAHA, mangiare verdure e ortaggi in abbondanza protegge le donne dall’aterosclerosi delle carotidi. “Il nostro – sottolinea Lauren Blekkenhorst, University of Western Australia, Crawley - è uno dei pochi studi ad aver esplorato il potenziale impatto di varie tipologie di vegetali sull’aterosclerosi subclinica, condizione alla base delle patologie cardiovascolari”.

Ad avere maggiore effetto protettivo sono le crucifere: l’indagine evidenzia infatti che assumerne 10 grammi in più al giorno è associato ad uno spessore parietale carotideo inferiore in media dello 0,8% (associazione non osservabile con altri tipi di vegetali).

Poiché stiamo parlando di uno studio osservazionale, non si può stabilire una relazione causale ma, secondo gli autori, “le linee guida dietetiche dovrebbero sottolineare l’importanza di aumentare il consumo di crucifere come fattore di protezione dalle malattie cardiovascolari”.

Quanti sono in Italia i professionisti della salute che si occupano di nutrizione? E quanti di cardiologia? Secondo Atlante Sanità, il database con oltre 1,3 milioni di anagrafiche, sono 14.751 i biologi nutrizionisti e 3.123 i dietisti. I medici specializzati in cardiologia sono invece 22.082, di cui 9.841 sono medici ospedalieri.

Fonte: Quotidiano Sanità

 
Autore:

PKE Group

PKE è una società nata da DS Medigroup, costituita per gestire i data base delle professioni e la creazione di comunità profilate sulla rete Internet.
Obiettivo di PKE è accompagnare le Istituzioni e gli Enti privati nella corretta gestione dei dati e nell’approfondita conoscenza delle diverse professioni, nell’analisi delle competenze specifiche di ciascuna disciplina, nelle valutazioni dei loro fabbisogni formativi ed informativi, nella definizione strategica degli strumenti di comunicazione (informazione e formazione) e nella loro completa implementazione.

Segui PKE Group: