News

Uno sport per ogni eta'!

Uno sport per ogni età!La Società Italiana di ortopedia e traumatologia (Siot), in occasione della Giornata mondiale dello sport del prossimo 6 aprile, ha indicato le attività fisiche più adatte per ogni età, bambini, adulti e anziani. L’idea di base però una e molto chiare: lo sport è fondamentale per lo sviluppo armonico dell’apparato muscolo scheletrico e nella tarda età può prevenire osteoporosi e sarcopenia.

Francesco Falez, Presidente Siot, spiega come lo sport abbia benefici non solo osseo-articolari ma anche sistemici: “lo sport aumenta le endorfine, accresce lo stato di benessere e migliora tutti gli altri apparati. Nella tarda età diventa fondamentale perché lo scheletro, e ovviamente l’osteoporosi, sono direttamente correlate ad un’attività più o meno intensa. Quindi osteoporosi e sarcopenia, dove c’è una riduzione della qualità del tessuto muscolare, si prevengono proprio facendo attività sportiva. Lo sport è fondamentale e la Siot sostiene il concetto generale che praticare attività sportiva fa rima con salute e benessere”.

Ma arrivando all’atto pratico, quanto sport è bene fare?

Il soggetto adulto è bene che pratichi attività fisica due volte a settimana, tre volte l’adolescente mentre per una persona anziana una volta a settimana è sufficiente. Ma che tipo di sport?

Per i più piccoli vanno bene il basket, il volley, il nuoto, il calcio, la corsa e la ginnastica, sostanzialmente tutto. Questo perché deve sviluppare il proprio coordinamento motorio quindi più sport fa, meglio è. Se il bambino ha invece problemi di scoliosi, sport come il basket e il volley sono da preferire, ad esempio, al tennis (in quanto sport simmetrici).

L’adulto è invece legato alla potenza muscolare, quindi vanno bene attività come la corsa, il tennis e la bicicletta. Fondamentale per lui è la preparazione per non incorrere negli effetti negativi dell’esasperazione dello sport, come tendinopatie o sovraccarichi funzionali.

Per concludere, l’anziano può svolgere attività come la ginnastica a corpo libero, le camminate lunghe, il Tai Chi e il Pilates, quindi attività che mantengono il coordinamento e il movimento armonico che sollecita lo scheletro e la muscolatura per prevenire osteoporosi e sarcopenia.

Come sempre facciamo un piccolo inciso su ciò di cui PKE si occupa, ovvero le numeriche della sanità. quanti sono gli ortopedici in Italia? Atlante Sanità, il database della sanità italiana che comprende circa 1,4 milioni di anagrafiche, conta 12.594 medici specializzati in ortopedia e traumatologia, di questi 5.874 sono medici ospedalieri, 2.247 medici specialisti in attività privata.

Fonte: Quotidiano Sanità
 
Autore:

PKE Group

PKE è una società nata da DS Medigroup, costituita per gestire i data base delle professioni e la creazione di comunità profilate sulla rete Internet.
Obiettivo di PKE è accompagnare le Istituzioni e gli Enti privati nella corretta gestione dei dati e nell’approfondita conoscenza delle diverse professioni, nell’analisi delle competenze specifiche di ciascuna disciplina, nelle valutazioni dei loro fabbisogni formativi ed informativi, nella definizione strategica degli strumenti di comunicazione (informazione e formazione) e nella loro completa implementazione.

Segui PKE Group: