News

Vitiligine: Giornata Mondiale della malattia

Vitiligine: Giornata mondiale della malattiaIl 25 giugno ricorre la World Vitiligo Day, ovvero la Giornata Mondiale della Vitiligine che si svolge ogni anno dal 2011 e unisce vari paesi del mondo con l’obiettivo di aumentare la conoscenza sulla malattia e combatterne il pregiudizio.




La vitiligine: storia e caratteristiche della malattia

La vitiligine, nota in dermatologia anche con il termine scientifico Chloasma album, è un’alterazione cutanea cronica caratterizzata da macchie chiare e non pigmentate che tendono ad aumentare per dimensione e numero in modo irregolare ma spesso simmetrico, solitamente interessando alcune aree del corpo partendo dalle estremità: mani, piedi, viso, collo, ascelle, gomiti e ginocchia.

Fu osservata per la prima volta nel 1879 dal dermatologo ungherese Moritz Kaposi che descrisse la scomparsa di granuli di pigmento nella rete cellulare profonda dell’epidermide dei pazienti che manifestavano la patologia.

Nonostante le cause non siano ancora del tutto chiare, si ipotizza la sovrapposizione di diversi fattori scatenanti: stress ossidativo, disturbi metabolici, difetti dei melanociti. La più accreditata negli ultimi anni nella comunità medico-scientifica è la teoria autoimmune, secondo la quale il sistema immunitario attaccherebbe determinati melanociti impedendone il processo di formazione della melanina talvolta connessa, nel 30%1 dei casi, a comorbidità come ipertiroidismo o ipotiroidismo, diabete e anemia perniciosa. Può avere anche carattere ereditario (25%)2 o, in casi più rari, svilupparsi successivamente a un trauma o una lesione diretta alla cute (fenomeno di Koebner).

Sebbene non sia ancora disponibile una terapia definitiva, sono stati adottati vari trattamenti che possono produrre una graduale ripigmentazione delle zone colpite a seconda dello stadio della malattia e della risposta soggettiva di ogni singolo paziente. I più comuni sono: fotochemioterapia con psoraleni (PUVA), terapia topica corticosteroidea, fototerapia UVB a banda stretta e laser.

Ben più complessi invece possono essere i risvolti psicologici di chi è affetto da vitiligine a causa del senso di isolamento e depressione che a volte segue alla comparsa delle macchie.

La vitiligine oggi

Si calcola che circa 100 milioni di persone nel mondo soffrono di vitiligine, tra cui anche casi noti come Michael JacksonAndy Warhol e la modella nera Winnie Harlow che ha contribuito a sdoganare la malattia facendo da testimonial, senza tabù, per alcuni grandi marchi di moda.

Kasia Smutniak vitiligineIn Italia spicca l’attrice polacca Kasia Smutniak, a cui è stata diagnosticata la vitiligine sette anni fa, che ha deciso di raccontare la sua esperienza sul suo profilo Instagram tramite la creazione del filtro Beautyligo, che permette di vedere il proprio volto con le macchie tipiche della malattia. Un modo attuale e virale per condividere un messaggio di forza e accettazione. 

In Italia i pazienti affetti da vitiligine sono seguiti dai medici dermatologi che, successivamente a visita diagnostica, si occupano di prescrivere le terapie più adeguate. Quantificandoli numericamente grazie ad Atlante Sanità, il database della sanità italiana che comprende oltre 1,4 milioni di anagrafiche di professionisti della salute, contiamo 6.887 medici italiani specializzati in dermatologia.

Sitografia

1. Vitiligine neibambini 
2. Vitiligo - Domande e risposte
 
Autore:

PKE Group

PKE è una società nata da DS Medigroup, costituita per gestire i data base delle professioni e la creazione di comunità profilate sulla rete Internet.
Obiettivo di PKE è accompagnare le Istituzioni e gli Enti privati nella corretta gestione dei dati e nell’approfondita conoscenza delle diverse professioni, nell’analisi delle competenze specifiche di ciascuna disciplina, nelle valutazioni dei loro fabbisogni formativi ed informativi, nella definizione strategica degli strumenti di comunicazione (informazione e formazione) e nella loro completa implementazione.

Segui PKE Group: