News

Vertigini rotatorie o artrosi cervicale?

Vertigini rotatorie o artrosi cervicale?Dopo la pensione il mondo ha iniziato a muoversi furiosamente intorno a me

“…Non mi era mai successo di soffrire di vertigini: come mai ho iniziato a soffrirne solo adesso? Il mio medico di famiglia mi ha inviato da diversi otorinolaringoiatri e neurologi: mi hanno riempito di farmaci che mi danno molta sonnolenza, ma non ho risolto nulla. Perché il mondo ha iniziato sempre più spesso a muoversi intorno a me? Perché mi sento sempre così instabile? E perché solo adesso? Rischio continuamente di cadere e rompermi una gamba...”

Eppure sarebbe bastata una semplice radiografia della colonna vertebrale per risolvere l’arcano e riconoscere la causa di quelle “vertigini”: in realtà pseudo-vertigini, spesso associate alla comune cervicale e diverse dalle vere vertigini rotatorie.

Nei soggetti con artrosi cervicale (la vera natura della cosiddetta cervicale), i muscoli della nuca tendono ad andare incontro a spasmi prolungati, dei quali l’individuo di solito non si rende nemmeno conto, ma che esistono. Come avviene anche in altre situazioni di analoga costante tensione muscolare (postura cronicamente distorta, traumi, stress), il flusso d’informazioni cosiddette “propriocettive” provenienti dai muscoli della nuca e continuamente inviato al sistema nervoso — flusso di informazioni alterato rispetto alla norma a causa dell’anormale situazione di spasmo della muscolatura — viene interpretato in modo scorretto dal sistema nervoso e questo causa l’insorgenza delle pseudo-vertigini.

Le vere vertigini rotatorie coinvolgono l’organo nervoso, subito dietro l’orecchio, che controlla l’equilibrio: il vestibolo. Esistono delle vere vertigini rotatorie causate dall’artrosi cervicale, caratteristicamente quando si gira la testa di lato, ma sono piuttosto rare. Perché proprio girando la testa di lato? Queste vere vertigini rotatorie da cervicale sono causate dalla fortissima riduzione di diametro, dovuta all’artrosi, dei fori delle vertebre del collo dove decorrono le arterie vertebrali: volgere il capo può causare la violenta compressione delle arterie vertebrali, un momentaneo deficit di ossigeno del vestibolo e il conseguente attacco di vertigini, ma questo è veramente raro. Qualcosa di analogo può verificarsi con i colpi di frusta: il contraccolpo, tipico per esempio degli incidenti stradali, con brusco e violento movimento prima in avanti e poi all’indietro del capo.
 
Se le vertigini della cervicale sono in realtà delle pseudo-vertigini legate alla contrattura dei muscoli del collo e della nuca, è evidente che gli specialisti di riferimento non sono più l’otorinolaringoiatra o il neurologo, come nel caso delle vere vertigini rotatorie, ma il fisiatra (soprattutto) ed eventualmente l’ortopedico.

Accade molto spesso che ci si rivolga allo specialista sbagliato in caso di vertigini: se il medico di famiglia non ha un’illuminazione e non suggerisce di sentire anche l’opinione di un fisiatra possono trascorrere anni di sofferenze prima di arrivare alla diagnosi e all’intervento terapeutico corretto.

Cogliamo l’opportunità per scoprire quanti sono i fisiatri in Italia? Atlante Sanità, il database degli operatori sanitari, conta 7.107 medici specializzati in medicina fisica e riabilitazione.
 
 
Autore:

Il Prof

Il Prof è medico internista, sempre in viaggio fra la Germania e l’Italia ma, quando può, collabora con PKE inviando articoli su temi scientifici un po’ insoliti.
 

Segui Il Prof: